Probabili formazioni 22^ giornata Serie A

Probabili formazioni 22^ giornata Serie A – con il match del “Dall’Ara” tra Bologna e Benevento si aprirà questo turno di campionato. Nel programma della 22a giornata spiccano 2 big match: allo stadio “Diego Armando Maradona”, il Napoli di Gattuso ospiterà  la Juventus di Pirlo mentre il “San Siro” sarà il teatro della sfida tra l’Inter di Conte, reduce dall’eliminazione in semifinale di Coppa Italia, e la Lazio di Simone Inzaghi.

Il Milan dovrà difendere il primo posto in casa dello Spezia di Italiano, fresco del passaggio di proprietà da Volpi all’americano Platek. L’Atalanta e la Roma avranno il compito di non cadere nelle trappole che potrebbero tendere Cagliari e Udinese.

In ottica fantacalcio, vedere le probabili formazioni della 22^ giornata di Serie A è una tappa obbligatoria per i fantallenatori, essere costantemente aggiornati per schierare il miglior undici possibile.  Questo spazio è dedicato a loro, con tutte le informazioni necessarie per non farsi cogliere impreparati.

Probabili formazioni 22^ giornata di Serie A

Bologna-Benevento

Come annunciato nell’ultima conferenza stampa, Mihajlovic relegherà nuovamente in panchina Orsolini. Skov Olsen agirà nuovamente sulla trequarti. Vicine la conferme di Sansone e Soumaoro, a scapito di Vignato e De Silvestri. Dominguez prenderà il posto dello squalificato Svanberg.

Inzaghi giungerà a Bologna senza Improta e Ionita, entrambi fermati dal Giudice Sportivo. Probabile l’impiego dal primo minuto di Viola a centrocampo e di Roberto Insigne sulla trequarti. Prosegue il ballottaggio tra Tuia e Caldirola con quest’ultimo in leggero vantaggio.

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Soumaoro, Danilo, Dijks; Schouten, Dominguez; Skov Olsen, Soriano, Sansone; Barrow. All. Mihajlovic

Benevento (4-3-2-1): Montipò; Depaoli, Glik, Caldirola, Barba; Viola, Schiattarella, Hetemaj; R. Insigne, Caprari; Lapadula. All. F.Inzaghi

Torino-Genoa

Nicola dovrà ancora sciogliere le ultime riserve. Per il partner d’attacco di Belotti, resta in vantaggio Zaza su Verdi e Bonazzoli. In difesa, potrebbe arrivare la conferma di N’Koulou mentre a centrocampo, Lukic e Ansaldi stanno vincendo i rispettivi ballottaggi con Linetty e Murru.

Senza Badelj, Ballardini dovrà scegliere se puntare sull’esperienza di Behrami oppure sulla gioventù di Rovella. Salgono le quotazioni di Masiello, resta in dubbio la presenza di Shomurodov. Pandev è in odore di conferma dopo la doppietta rifilata al Napoli.

Torino (3-5-2): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; Singo, Mandragora, Rincon, Lukic, Ansaldi; Belotti, Zaza. All. Nicola

Genoa (3-5-2): Perin; Masiello, Radovanovic, Criscito; Zappacosta, Behrami, Strootman, Zajc, Czyborra; Destro, Pandev. All. Ballardini

Napoli-Juventus

Piove sul bagnato per Gattuso costretto a rinunciare anche a Demme e Hysaj, usciti malconci dall’impegno di Coppa Italia. L’unica nota lieta è il ritorno di Fabian Ruiz sulla linea mediana. L’attacco partenopeo dovrebbe essere guidato da Osimhen, in vantaggio su Petagna.

Pirlo affronterà la trasferta di Napoli senza l’indisponibile Arthur. Si profila l’impiego dell’americano McKennie a centrocampo con Bentancur. Non destano preoccupazioni le condizioni di Morata e Bonucci però il centrale difensivo bianconero potrebbe lasciare il posto a De Ligt.

Napoli (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Maksimovic, Rrahmani, Mario Rui; F. Ruiz, Bakayoko; Lozano, Zielinski, Insigne; Osimhen. All. Gattuso

Juventus (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, De Ligt, Chiellini, Alex Sandro; Kulusevski, Mckennie, Bentancur, Chiesa; Morata, Cristiano Ronaldo. All. Pirlo

Spezia-Milan

Italiano proverà a recuperare in extremis Nzola. In caso di nuovo forfait dell’attaccante francese, sarà Galabinov a guidare l’attacco spezzino, supportato da Gyasi e Verde, in vantaggio su Agudelo. Da sciogliere gli ultimi dubbi a centrocampo: Pobega e Ricci dovrebbero partire dal primo minuto. 

Il portoghese Dalot prenderà il posto dello squalificato Calabria. Prosegue il duello sulla mediana tra Bennacer e Meite con il nazionale algerino in leggero vantaggio. Confermati Tomori al centro della difesa e Rebic sulla trequarti, a scapito di Leao

Spezia (4-3-3): Provedel; Vignali, Ismajli, Erlic, S. Bastoni; Maggiore, M. Ricci, Pobega; Gyasi, Galabinov, Verde. All. Italiano

Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Dalot, Tomori, Romagnoli, Theo Hernandez; Kessie, Bennacer; Saelemaekers, Calhanoglu, Rebic; Ibrahimovic. All. Pioli

Roma-Udinese

Pau Lopez o Mirante? Dzeko o Mayoral? Fonseca è intenzionato ad adottare la linea spagnola proponendo l’ex Betis tra i pali e il prodotto del vivaio del Real Madrid in avanti. L’assenza di Smalling rappresenterà una nuova opportunità per Kumbulla. Partiranno dalla panchina Pedro e Cristante.

Gotti giungerà all’Olimpico di Roma con De Paul ma senza l’infortunato Pereyra. Probabile l’inserimento di Walace nell’undici titolare. Nel ruolo di centravanti, potrebbe giocare dall’inizio l’ex Napoli Llorente con la conseguente esclusione di Okaka.

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Ibanez, Kumbulla; Karsdorp, Villar, Veretout, Spinazzola; Lo. Pellegrini, Mkhitaryan; Borja Mayoral. All. Fonseca

Udinese (3-5-2): Musso; Becao, Nuytinck, Samir; Stryger Larsen, De Paul, Arslan, Walace, Zeegelaar; Llorente, Deulofeu. All. Gotti

Cagliari-Atalanta

Tira aria di ottimismo sulle condizioni di Lykogiannis. L’esterno greco dovrebbe giocare regolarmente dal primo minuto: resta in preallarme il giovane Tripaldelli. Prosegue il duello tra Pavoletti e Simeone per il ruolo di centravanti titolare. E’ in leggero vantaggio il “Cholito”.

Con Maehle e Hateboer entrambi indisponibili, Gasperini potrebbe gettare nella mischia Ruggeri a destra. Privo dello squalificato Toloi, verrà impiegato Palomino mentre in avanti, scalpitano Malinovskyi e Miranchuk ma difficilmente Ilicic e Pessina cederanno il loro posto.

Cagliari (3-4-2-1): Cragno; Walukiewicz, Godin, Rugani; Zappa, Nandez, Marin, Lykogiannis; Nainggolan, Joao Pedro; Simeone. All. Di Francesco

Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Palomino, Romero; Djimsiti; Gosens, De Roon, Freuler, Ruggeri; Pessina; Ilicic, Zapata. All. Gasperini

Sampdoria-Fiorentina

Sta per arrivare il turno di Quagliarella. Ranieri è orientato a schierare l’esperta punta blucerchiata. Probabile una chance anche per Damsgaard, a scapito di Jankto, mentre a centrocampo si profila la conferma di Adrien Silva. Si rivedrà dall’inizio Yoshida vista l’assenza per squalifica di Tonelli.

La squalifica ridotta a Milenkovic e il recupero di Ribery hanno strappato un sorriso a Prandelli. Entrambi saranno della partita, così come Castrovilli e Martinez Quarta, in netto vantaggio su Igor. Chi occuperà il vuoto lasciato dallo squalificato Amrabat? L’ex Inter Borja Valero parte favorito sul cileno Pulgar.

Sampdoria (4-4-2): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello; Candreva, A. Silva, Thorsby, Damsgaard; Keita Balde, Quagliarella. All. Ranieri

Fiorentina (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Ge. Pezzella, Martinez Q.; Venuti, Castrovilli, Borja Valero, Bonaventura, Biraghi; Ribery, Vlahovic. All. Prandelli

Crotone-Sassuolo

Reca non ha ancora smaltito del tutto la contrattura muscolare, rimediata prima di Milan-Crotone. Se non dovesse farcela l’esterno polacco, la fascia sinistra sarà affidata a Pereira con Rispoli a destra. Messias tornerà a vestire una maglia da titolare ma non sarà uno dei componenti dell’attacco: Stroppa potrebbe puntare nuovamente sul tandem Di CarmineOunas.

Con Ferrari out per squalifica, De Zerbi potrebbe affidarsi a Marlon al centro della difesa. Le fasce dovrebbero essere presidiate da Muldur e Rogerio mentre sulla trequarti, è guerra aperta tra Traorè e Defrel per colmare il vuoto lasciato dall’indisponibile Boga. L’allenatore neroverde scioglierà il dubbio durante la rifinitura.

Crotone (3-5-2): Cordaz; Magallan, Marrone, Djidji; Rispoli, Benali, Zanellato, Messias, Reca; Di Carmine, Ounas. All. Stroppa

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Muldur, Marlon, Chiriches, Rogerio; Locatelli, M. Lopez; Berardi, Djuricic, Traore; Caputo. All. De Zerbi

Inter-Lazio

Conte non dovrebbe rischiare Vidal, appena rientrato da un infortunio. Probabile l’impiego dal primo minuto di Gagliardini a centrocampo con Barella e Brozovic. Nessun dubbio sia in difesa che in attacco dove giocherà regolarmente Lautaro Martinez, in coppia con Lukaku.

Inzaghi potrebbe confermare la formazione che ha battuto il Cagliari nell’ultimo turno di campionato. Musacchio e Correa sono vicini a mantenere il posto nell’undici titolare, nonostante le insidie Patric e Caicedo. Non destano preoccupazioni le condizioni di Acerbi e Luis Alberto.

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, A. Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Gagliardini, Young; Lautaro Martinez, Lukaku. All. Conte

Lazio (3-5-2): Reina; Musacchio, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Luis Alberto, Marusic; Correa, Immobile. All. S. Inzaghi

Verona-Parma

Juric sarà costretto a rinunciare a Faraoni e Zaccagni, entrambi squalificati. Scalpita Bessa che potrebbe agire sulla trequarti con Barak. Le corsie esterne saranno occupate da Lazovic e Dimarco mentre Kalinic sta vincendo il ballottaggio con Lasagna.

D’Aversa si presenterà a Verona con l’attacco spuntato. Senza Cornelius e Inglese, debutterà l’olandese Zirkzee. Prima convocazione vicina per Pellè che potrebbe disputare uno spezzone di gara. Confermati Bani in difesa e Brugman sulla linea mediana.

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Dawidowicz, Gunter, Magnani; Lazovic, Tameze, Ilic, Dimarco; Bessa, Barak; Kalinic. All. Juric

Parma (3-5-2): Sepe; Osorio, Bruno Alves, Bani; Conti, Kucka, Brugman, Kurtic, Gagliolo; Zirkzee, Gervinho. All. D’Aversa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *