Fatturazione elettronica, come funziona e quale è il miglior servizio

FATTURAZIONE ELETTRONICA PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI: COS’È E COME FUNZIONA

La fattura elettronica PA è un sistema di fatturazione pensato appositamente per tutte le imprese, aziende e società pubbliche le quali sono obbligate ad utilizzarlo per l’invio di fatture alla pubblica amministrazione, così come descritto dalla Legge di Stabilità firmata nel 2008, con la quale è stato introdotto anche il sistema di interscambio o SID.

Quest’ultimo non è altro che un vero e proprio nodo di smistamento digitale gestito direttamente dall’Agenzia delle Entrate, progettato per controllare in modo efficiente e sicuro la finanza pubblica attraverso il monitoraggio delle fatture elettroniche inviate e ricevute.

Per quanto riguarda la fattura pubblica amministrazione, per essere valida, deve soddisfare i seguenti requisiti:

– formato del file (.XML);

– presenza della firma digitale della persona che emette la fattura (anche attraverso firma automatica di un provider intermediario) in modo da garantirne l’autenticità e l’integrità;

– inserimento dell’apposito codice identificativo univoco dell’ufficio (o dell’ente) a cui è indirizzata la fattura elettronica PA.

La fatturazione elettronica nelle relazioni commerciali tra la PA e i suoi fornitori è obbligatoria già dal 31 marzo 2015. Questo obbligo prevede che le fatture elettroniche verso la Pubblica Amministrazione siano emesse, trasmesse e anche conservate esclusivamente sotto formato elettronico, tant’è che da Aprile 2015 le PA per legge non possono né accettare alcun tipo di fattura in formato cartaceo, né quindi procedere al saldo delle stesse.

Per poter inviare in modo corretto una fattura elettronica per le pubbliche amministrazioni bisogna seguire alcuni semplici passi. Innanzitutto bisogna creare un file in formato .xml e compilare tutti i dati richiesti per la fatturazione (in caso di più fatture è possibile creare più file .xml oppure un singolo file di archiviazione .zip in cui inserire tutte le fatture).

I dati necessari da inserire sono i seguenti:

– Codice identificativo del paese;

– Codice identificativo univoco della persona che la invia (o codice fiscale);

– Codice progressivo univoco del file (si tratta di una stringa alfanumerica composta da 5 caratteri compresi tra A-Z e tra 0-9).

Una volta compilati i dati in modo corretto bisognerà apporre una firma digitale e sarà possibile inviare la fattura tramite una casella di posta elettronica certificata (PEC) o tramite servizio SDIFTP. A questo punto basterà attendere che l’ufficio destinatario riceva la fattura e a quel punto la conferma dell’avvenuta lettura arriverà in automatico.

Per facilitare le operazioni consigliamo sempre di affidarsi ad un gestore che eroghi servizi di posta elettronica certificata, fatturazione elettronica, conservazione digitale e firma digitale, in modo da avere una migliore gestione delle varie operazioni oltre a maggior sicurezza e assistenza.

QUAL È IL MIGLIORI SERVIZIO A CUI AFFIDARSI

Attualmente in Italia esistono numerosi gestori che offrono servizi di fatturazione elettronica PA e B2B, ma uno di questi spicca sicuramente, grazie ad uno staff specializzato e ad un servizio di elevata qualità e sicurezza informatica. Stiamo parlando dell’azienda InfoCert.

La soluzione offerta da InfoCert rappresenta la scelta migliore per gestire in modo completo ed efficiente la fatturazione elettronica PA e B2B.

Il servizio LegalInvoice di InfoCert permette di gestire e conservare al meglio le fatture elettroniche con un sistema semplice ma allo stesso tempo all’avanguardia, attraverso il quale è possibile inviare e ricevere in tempi rapidi e senza alcun problema tutte le ricevute provenienti dai vari fornitori via SDI, con la possibilità di accettare o rifiutare il file attraverso l’innovativa funzione ACCETTATO PA oppure RIFIUTATO PA.

Infine, sarà possibile usufruire di un servizio di conservazione delle fatture elettroniche con Legalinvoice PRO Conservazione, per conservare tutte le fatture digitalmente e averle sempre a portate di mano.

Utilizzando LegalInvoice di Infocert si usufruisce dei seguenti vantaggi:

– Casella posta elettronica certificata (PEC) gratis per 6 mesi

– Invio automatico del messaggio di DECORRENZA TERMINI nel caso in cui la fattura PA non venisse verificata entro 15 giorni dal momento dell’avvenuta ricezione;

– Sistema di gestione multiutente;

– Possibilità di inserire commenti e note all’interno dei file .XML

Un sistema davvero perfetto per gestire le proprie fatture senza pensieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *